Separazioni e divorzi consensuali (Istat SC.6sd e SC.12sd)
Rilevazione annuale degli eventi demografici di stato civile (D7A annuale)

A cosa serve la rilevazione degli accordi extra-giudiziali in materia di separazioni e divorzi (consensuali)?

La rilevazione attivata presso i Comuni (con i modelli Istat SC.6sd e Istat SC.12sd) ha la finalità di completare la raccolta dei dati in materia di separazioni personali dei coniugi (Rilevazione codice PSN IST-00115) e degli scioglimenti e cessazioni degli effetti civili del matrimonio (Rilevazione codice PSN IST-00116), tradizionalmente rilevati presso le cancellerie civili dei Tribunali (con i modelli Istat M.252 e modello Istat M.253).

Come partecipare all'indagine?

Occorre accedere alla pagina gino.istat.it/sepdiv e inserire il Codice Utente e la Password riportati nella comunicazione inviata via mail e completare la procedura di prima registrazione. Si consiglia di accedere alla pagina cliccando direttamente sul link fornito nella mail (gino.istat.it/sepdiv) o presente sul portale delle statistiche demografiche (http://demografiche.istat.it) evitando di riscriverlo o di copiarlo nel browser.

Chi deve rispondere?

L'unità di rilevazione viene formalmente identificata nell'Ufficio di Stato Civile del Comune dove l'atto viene redatto (ex art.12) o presentato (ex art.6). Per i comuni che sono dotati dell'Ufficio di Statistica si rimanda la competenza all'organizzazione interna. Nella pratica, anche se non c'è obbligo di legge, si consiglia a tutti gli operatori comunali coinvolti, per l'acquisizione dei dati, di avvalersi della collaborazione diretta dei cittadini interessati e/o dei loro avvocati (soprattutto nei casi di negoziazione assistita). Sulle modalità di questa collaborazione tra Uffici comunali, cittadini ed avvocati si lascia libera iniziativa ai Comuni, a seconda della loro organizzazione.

Cosa fare al primo accesso?

Al primo accesso al sito, inserendo nel riquadro "Accesso al questionario" a destra dello schermo "Codice Utente" e "Password iniziale" (contenuti nella lettera di preavviso), si aprirà una schermata nella quale si dovranno inserire i propri dati. Innanzitutto, la Password iniziale dovrà essere sostituita da una "Nuova password", da confermare nel campo successivo. Dovrà essere indicato anche un indirizzo di posta elettronica al quale verrà inviata, alla fine della compilazione, una e-mail automatica dell'avvenuta ricezione del questionario, che vale anche come ricevuta. Dopo aver inserito tutte le informazioni richieste, premendo sul tasto "Accedi al questionario" è possibile procedere alla compilazione del questionario.

Come si fa a modificare la password personale?

Se, una volta registrati, si desidera cambiare di nuovo la password personale (eventualmente per usarne una più facile da ricordare), inserire Codice Utente e Password personale nel riquadro "Accesso al questionario" a destra dello schermo e cliccare su "Modifica dati registrazione". Apparirà una schermata in cui sarà possibile inserire la password iniziale e poi la nuova password personale (due volte: sia nel campo "Nuova password" che nel campo "Conferma password").

Cosa fare se si è smarrita la password?

Nel caso si sia dimenticata la password personale, occorre cliccare su "Password dimenticata" nel riquadro "Accesso al questionario" a destra dello schermo e inserire "Codice Utente". La password verrà inviata via mail all'indirizzo di posta elettronica comunicato al momento della registrazione. ATTENZIONE: la password che sarà inviata è quella Iniziale, contenuta nella lettera informativa e non la password personale scelta in fase di registrazione.

Quanti referenti possono essere indicati in fase di registrazione?

È possibile indicare fino a un massimo di tre referenti ma è obbligatorio inserire solo il primo. All'indirizzo di posta elettronica del primo referente indicato verrà inviata, alla fine della compilazione, una e-mail automatica dell'avvenuta ricezione del questionario, che vale anche come ricevuta.

Qual è la dotazione informatica richiesta per compilare il questionario?

Per compilare il questionario online è sufficiente una connessione a Internet con uno tra i seguenti browser: Mozilla Firefox, Google Chrome, Explorer 9 (o versione superiore), Apple Safari. Se non si dispone di una versione recente del browser, è possibile scaricare gratuitamente l'aggiornamento attraverso le icone riportate nella home page della pagina gino.istat.it/sepdiv. È infatti necessario disporre di una versione aggiornata del browser; altrimenti anche se si riesce ad accedere alla pagina inziale non si riesce a procedere con la registrazione e ad utilizzare le altre funzionalità. La risoluzione minima del computer consigliata è 1024x768.

Come usare i pulsanti del questionario?

Durante la compilazione è possibile tornare indietro per modificare una risposta già inserita, cliccando sul pulsante "Pagina precedente" in fondo a ciascuna schermata. Cliccando il pulsante "Pagina successiva" in fondo a ciascuna schermata si potrà proseguire nella compilazione. Si suggerisce di usare il tasto "Salva", anche in corso di compilazione in modo da non perdere le informazioni man mano inserite. Le risposte verranno salvate, ma resteranno modificabili fino all'invio definitivo del questionario. Per uscire si raccomanda di utilizzare il pulsante "Esci" e non il tasto presente in alto a destra di ogni schermata (la X rossa), perché ciò comporterebbe un blocco temporaneo del sistema, che rende impossibile l'accesso durante le due ore successive.

Cosa fare dopo aver completato la compilazione?

Una volta conclusa la compilazione, sarà possibile trasmettere all'Istat il questionario completo cliccando sul pulsante "Invia il questionario". Da questo momento, il questionario non sarà più modificabile, ma solo visualizzabile.

Cosa faccio se non ho nessun modello da inviare perché nel mio comune non ci sono stati accordi?

È comunque obbligatoria la registrazione nel sito https://gino.istat.it/sepdiv. Contrariamente a quanto avviene con i modelli Istat P5 non è necessario comunicare la mancanza di eventi registrati. Sarà, invece, obbligatorio compilare a fine anno il modello D7A annuale indicando con zero la parte relativa a separazioni e divorzi. Per l¿anno 2015 la compilazione di tale modello sarà attiva a partire dal 20 gennaio 2016 e sarà possibile effettuarla fino al 29 febbraio 2016.

Quali sono i contenuti del questionario?

Il modello Istat SC.6sd si compone di 6 sezioni. La prime 2 (Notizie relative all'atto e al Comune e Notizie relative al matrimonio) devono essere compilate direttamente dall'Ufficiale di Stato Civile. Per le sezioni 3 e 6 (Notizie relative ai coniugi e Notizie relative ai figli) si consiglia agli Ufficiali di Stato Civile di avvalersi della collaborazione dei coniugi che vengono a separarsi (o a divorziarsi) e dei loro avvocati così come per le sezioni 4 e 5 (Notizie relative agli avvocati, Notizie relative ai provvedimenti economici) è importante l'ausilio fornito dagli avvocati.

Il modello Istat SC.12sd è identico fino alla sezione 4 ma la sezione 4 appunto è solo opzionale perché la possibilità di avvalersi dell'assistenza di uno o più avvocati è discrezionale. La sezione 5 è più stringata perché necessariamente non può ricomprendere trasferimenti patrimoniali. La sezione 6 non c'è essendo quella che riguarda i figli.

Si può interrompere momentaneamente la compilazione del questionario?

Si può compilare il questionario in un'unica sessione oppure in momenti e giorni successivi. Ad ogni accesso è necessario inserire Codice Utente e Password personale nel riquadro "Accesso al questionario" a destra dello schermo e premere sul tasto "LOGIN".

Cosa faccio se l'atto di matrimonio è sprovvisto di serie?

Presentando gli atti relativi ai matrimoni civili celebrati tra residenti del comune solo numero e parte ma non la serie convenzionalmente si può usare per contraddistinguere questa tipologia di matrimoni la stringa "-" o qualunque altro carattere che permetta comunque di andare avanti con la compilazione. Dalle altre informazioni inserite nel modello è possibile, infatti, desumere che la serie non è presente per questa tipologia di atti.

Come posso fare per proseguire nella compilazione se il numero di iscrizione all'albo dell'avvocato è inesistente?

Anche se non esiste un vero e proprio numero di iscrizione all'albo si può fare riferimento al numero del tesserino personale (generalmente lungo 10 caratteri). In caso, invece, di indisponibilità del numero di iscrizione perché alcuni ordini territoriali non lo attribuiscono proprio agli avvocati, si può inserire convenzionalmente '-' che permette allo stesso tempo di indicare che si tratta di un dato mancante e di proseguire con la rilevazione senza incorrere in un errore bloccante.

Le informazioni su numero, parte e serie a quale atto fanno riferimento?

Vanno indicate le seguenti informazioni relative all'atto contenente l'accordo: il numero, la parte e la serie. Per il modello Istat SC.12sd occorre fare riferimento alla data di registrazione dell'atto definitivo, per il modello Istat SC.6sd occorre fare riferimento alla data di trascrizione dell'atto.

Con quale cadenza devo inserire i dati in caso di inserimento manuale?

Si consiglia l'inserimento continuo dei dati e comunque nel rispetto delle tempistiche riportate sia nella circolare che nella guida alla compilazione dei modelli.

Con quale cadenza devo inserire i dati in caso di upload di un file esterno?

I dati dovranno essere inviati con cadenza mensile (entro la fine del mese successivo di definizione dell'evento) nel rispetto delle tempistiche riportate sia nella circolare che nella guida alla compilazione dei modelli. È possibile inviare i dati relativi ad uno stesso mese caricando uno o più file dati.